Alessandra Caputo e Gian Paolo Tosoni – Il Sole 24 Ore – 29
Con la risposta all’interpello 501 pubblicata ieri l’Agenzia delle Entrate chiarisce che i requisiti per l’applicazione del regime forfettario vanno mantenuti fino alla fine del periodo d’imposta. Il caso analizzato riguardava un contribuente che, in possesso dei requisiti previsti dalla legge 190/2014, aveva applicato, per l’anno 2019, il regime forfettario. Nel 2018 l’interpellante aveva conseguito ricavi inferiori alla soglia di 65mila euro, non deteneva né direttamente né indirettamente partecipazioni in società di persone o in Srl e non partecipava ad alcuna associazione in partecipazione. Intenzionato, dal 2020, a costituire una Stp, chiedeva se questo potesse essere di ostacolo alla fruizione del regime forfettario. L’Agenzia sottolinea che nel caso in esame non è da escludere che possa essere integrato il controllo di fatto in quanto l’istante dichiarava di avere in essere rapporti economici con la Stp. (Ved. anche Italia Oggi: ‘Professionista in società rientra nel forfettario’ – pag. 36)